splash_parisi.jpg

PROGETTO RACCONTI D'EUROPA PDF Stampa

viewer.png

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Regione Lombardia, dipartimento Cultura e l’Assessorato alle Politiche Educative, Giovanili e della Famiglia del Comune di Cremona promuovono e sostengono il progetto “RACCONTI D’EUROPA – lo sviluppo dell’identità locale nell’incontro tra culture giovanili”.

Tale progetto, che sarà realizzato nel periodo compreso tra il 22 gennaio e il 26 febbraio 2011, si avvale del contributo della Regione Lombardia nell’ambito del bando relativo alla legge regionale 7 febbraio 2000, n. 6 - “Interventi regionali per la promozione dell’integrazione europea”.

Esso si colloca, inoltre, nell’ambito delle iniziative relative alle progettualità del Servizio Volontario Europeo (SVE) e del Servizio Civile Nazionale (SCN) rispetto alle quali il Comune di Cremona – Servizio Politiche Giovanili è ente accreditato. 

Il progetto RACCONTI D’EUROPA desidera coinvolgere i giovani nei processi di integrazione che si possono sviluppare tra la propria identità locale e la dimensione europea attraverso l’impiego dei linguaggi artistici. Il progetto prevede infatti l’attivazione di laboratori espressivi di fumetto, di teatro, di fiaba che saranno condotti per lo più da artisti under 35 anche in collaborazione con volontari del Servizio Volontario Europeo (SVE) e del Servizio Civile Nazionale (SCN) presenti sul territorio cittadino.  

Tra gli obiettivi principali del progetto vi è infatti quello di favorire la conoscenza e lo scambio di esperienze tra giovani, alcuni dei quali provenienti da vari paesi europei, impegnati in una esperienza di cittadinanza attiva quale, appunto, quella del Servizio Volontario Europeo (SVE) e del Servizio Civile Nazionale (SCN). 

Per sviluppare la conoscenza e la sensibilità dei più giovani alla tematica dell’integrazione europea, fulcro sul quale si fonda la legge regionale n. 6 del 7 febbraio 2000, tale progettualità si rivolge anche agli studenti del quarto e del quinto anno degli Istituti di Istruzione Secondaria di Secondo Grado cittadini che, attraverso la loro partecipazione, avranno occasione di entrare in contatto con i diretti protagonisti di esperienze alle quali gli studenti stessi potrebbero, in futuro, aderire.  

Non da ultimo, la proposta rivolta agli alunni dell’ultimo anno della Scuola Primaria e del primo di quella Secondaria di Primo Grado, invitati ad assistere ad una performance frutto del laboratorio di fiaba, intende sottolineare l’attenzione che il tema dell’integrazione europea riveste per le generazioni future.

Metodologicamente, il raggiungimento degli obiettivi primari del progetto, integrazione europea e cittadinanza attiva, si gioca sul terreno della sperimentazione artistico-espressiva. Nella dimensione del “fare artistico” si favorisce infatti l’innesco di processi formativi in cui il coinvolgimento della sfera emotiva, oltre a quella critica, garantisce il sedimentarsi di quanto sperimentato grazie all’azione catalizzatrice dell’emozione consentendo una esperienza autentica sia sul piano educativo sia su quello espressivo implementando quindi l‘efficacia dei processi di apprendimento.  

Inoltre, il coinvolgimento di operatori culturali e artisti under 35 nel ruolo di tecnici-conduttori di laboratorio, si inserisce nel disegno di promozione e sostegno della mobilità artistica locale e sovralocale delineato dalla legge regionale in questione consentendo di sostenere l’arte contemporanea nella sua dimensione sociale valorizzando i giovani artisti quali soggetti portatori di abilità e competenze specifiche.

Proprio nell’ottica della valorizzazione di abilità e competenze dei giovani, il progetto prevede anche l’attivazione di una specifica fase di verifica, monitoraggio e di disseminazione dei risultati in stretta correlazione con la documentazione e la restituzione del percorso nel suo complesso che sarà gestita da un gruppo di lavoro costituito da giovani Under 35. Tale equipe provvederà all’elaborazione di questionari di gradimento che saranno distribuiti ai partecipanti, al monitoraggio delle attività laboratoriali mediante l’osservazione dei processi interni ai vari gruppi di laboratorio, alla rielaborazione e all’organizzazione dei dati rilevati ai fini della restituzione degli stessi. Referenti di questa sezione del progetto saranno Monica Andaloro, Gaia Cuccì e Damaris Navarro. Monica Andaloro è neolaureata in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia mentre Gaia Cuccì è studentessa del terzo anno di Psicologia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di  Milano e Dàmaris Navarro ha conseguito il diploma di animatrice socio-culturale presso lo I.E.S. Avempace, Istituto di Studi Superiore di Saragoza e successivamente si è specializzata in materie scientifiche. Volontari del Servizio Civile Nazionale operativi presso le sedi del Teatro Monteverdi e del Centro Musica “Il Cascinetto” saranno coinvolti nella fase di documentazione video del percorso.  

Strategici per la buona riuscita dell’iniziativa sono i partner che hanno aderito alla progettualità: l’Associazione Centro Fumetto “A. Pazienza” di Cremona, la Cooperativa Tempo Libero di Brescia, il Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, la Fondazione Sospiro, l’Istituto Scolastico Superiore (I.E.S.) Avempace di Zaragoza. 

Non meno importante la collaborazione con l’Istituto cittadino di Istruzione Secondaria di Secondo Grado “D. Manin” e con il C.I.S.Vol, entrambi enti di accoglienza accreditati come sedi SVE. In merito al target di riferimento, il progetto si rivolge all’intera cittadinanza con particolare riguardo a studenti degli Istituti di Istruzione Secondaria di II Grado, volontari SVE, volontari SCN, giovani tra i 18 e i 30 anni.  

La partecipazione a tutte le attività è gratuita e richiede la prenotazione.  

Per informazioni e prenotazioni:
Comune di Cremona – Ufficio Politiche Giovanili
c/o Teatro Monteverdi, via Dante 149 - 26100 Cremona
tel. 0372/407786
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo  

LABORATORIO DI FUMETTO
“CARNET DE VOYAGE”
Progettazione e realizzazione a cura del Centro Fumetto “Andrea Pazienza” 

Condotto da FRANCESCA FOLLINI – collaborazione di CAROLINE BREAND (S.V.E.)  

Sede del laboratorio: Centro Fumetto “A. Pazienza”, P.zza Giovanni XXIII - Cremona  

Date e orari:
Sabato 22 gennaio e 5 febbraio 2011 ore 14.00 – 16.00;
Sabato 12 e 19 febbraio 2011 ore 14.00 – 17.00  

Numero massimo partecipanti: 20  

Traccia di lavoro: dalla conoscenza reciproca alla riflessione comune sul concetto di Europa mediante la condivisione di opere a fumetti sul tema, l’apprendimento di elementi di base relativi a disegno, sceneggiatura, storyboard, esercitazioni pratiche individuali, realizzazione di opere individuali ed eventuale restituzione degli esiti di laboratorio (mostra,  autoproduzione…).  

La partecipazione al laboratorio di fumetto è gratuita; ai partecipanti saranno dati in omaggio un carnet da viaggio e un pennarello.  

Per informazioni specifiche sul laboratorio di fumetto:
Centro Fumetto "Andrea Pazienza" Piazza Giovanni XXIII, 1 - 26100 Cremona
tel. 0372/22207
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Web: http://www.cfapaz.org Opac biblioteca:
http://opac-cfapaz.org
E-Commerce: http://shop.cfapaz.org